“ANTICHI MAESTRI”. Thomas Bernhard

«L’arte, anche se la malediciamo e se a volte ci sembra del tutto pleonastica, e se anche siamo costretti ad ammettere che essa in realtà non vale un accidente, se osserviamo, qui, i quadri di questi cosiddetti Antichi Maestri, che molto spesso, e com’è naturale sempre di più con il passare degli anni, ci sembrano senza senso e senza scopo, nient’altro che maldestri tentativi di piazzarsi artisticamente sulla faccia della terra, malgrado tutto non c’è nient’altro che salvi la gente della nostra fatta se non proprio quest’arte maledetta e dannata, e spesso funesta e disgustosa da far vomitare» (Thomas Bernhard, Antichi Maestri, Adelphi, 1992).

Gabriele Nero – Reger è un anziano signore, appassionato di arte, musicologo nonché critico del Times (apprezzato all’estero, bistrattato dalla sua Austria). La sua vita era sempre ruotata intorno alla musica, alla pittura e alla filosofia, guardando ed ammirando gli “antichi maestri”. Ma la vita di Reger  cambiò radicalmente dopo la dipartita della moglie.  Si rese conto di aver perso ciò che più amava al mondo e provò a rifugiarsi  sempre in quegli “antichi maestri”, che improvvisamente diventarono muti e sempre più lontani dalla realtà. La morte della compagna spinse Reger ad un atteggiamento nichilista e belligerante  contro l’umanità, la cultura, lo Stato, la Chiesa Cattolica, Vienna,  l’ Austria ma soprattutto contro l’Arte.

Reger  venne colto da una forma di nevrosi perfezionistica, che lo portava a presentarsi ogni due giorni al Kunsthistorisches Museum per osservare i quadri degli artisti  più importanti della storia dell’arte e di scorgerne i difetti, o le incongruenze, o dei dettagli mal riusciti. Ogni due giorni ripeteva quello che era quasi un rituale, che culminava con l’anziano che si sedeva di fronte al quadro “L’uomo con la barba bianca” di Tintoretto.

La vicenda viene narrata da un osservatore esterno, un amico di Reger, il  giovane professor Atzbacher, che incuriosito  e anche un po’ preoccupato da quello strano signore, ossessionato da quel quadro del Tintoretto, volle conoscerne la storia. C’erano ragioni molte profonde che legavano quell’uomo a quel quadro.

Il lettore verrà assorbito in un monologo interiore duro e asciutto.  La prosa  di Bernhard utilizza  registri diversi, è ripetitiva e, a forma di spirale, scende nel profondo, un profondo abitato dalla solitudine e dalla morte.

10845889_334114716780071_8664319146130141778_o
Gabriele Nero

Gabriele Nero è libraio ed editore di una giovane casa editrice indipendente, di chiara connotazione beat, nel cuore di Valencia: El doctor Sax – Beat and books. Per chi volesse saperne di più sulle sue iniziative editoriali:

www.eldoctorsax.blogspot.com

facebook.com/eldoctorsax

El Doctor Sax

13304981_513356248855916_87501512221206206_o

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...